Chi non ha mai letto almeno una volta un’intervista basata  sul questionario di Proust? Adesso potete essere voi i protagonisti dell’intervista, riveduta in chiave enoica.

Se decidete di rispondere al questionario, che rimane anonimo, evidentemente mi permetterete di rendere pubbliche le risposte più interessanti. PROSIT!